Come scegliere un buon misuratore di pressione: 3 consigli utili

Come scegliere un buon misuratore di pressione: 3 consigli utili

Chi ha problemi di pressione, bassa o alta che sia, ha l’obbligo di monitorare quotidianamente i suoi valori al fine di riportarli al proprio medico di base e seguire una cura adatta alla sua condizione fisica.

Non è, infatti, possibile andare ogni giorno in ambulatorio o in farmacia a misurare la pressione, soprattutto quando vi è la necessità di valutare i propri parametri a determinati orari ad esempio di primo mattino o dopocena ragion per cui in commercio è possibile acquistare dei misuratori di pressione da tenere in casa o in ufficio.

Diversi sono i modelli e i prezzi ma perché un misuratore di pressione si possa considerare funzionale ed efficiente è opportuno che siano garantite alcune caratteristiche imprescindibili per avere dei parametri quanto più realistici possibili nonché comprare un macchinario facile da usare e da montare.

A seguire 3 consigli utili da prendere in considerazione nell’acquisto di un buon misuratore di pressione funzionale e semplice da usare.

1) Quale tipologia di misuratore di pressione scegliere

I misuratori di pressione in vendita sono automatizzati gli stessi possono essere alimentati a batterie esterne, stilo o ministilo, o con porta usb.
I migliori sono i secondi in quanto più facili da caricare e in ogni caso più stabili nella misurazione in quanto non dipendono da una batteria che spesso se malfunzionante può comportare misurazioni errate.

Tra le tipologie di misuratori quelli che sicuramente si distinguono per precisione sono le macchine a meccanismo digitale, anche più semplici da manovrare da chi non è medico o infermiere.
Quanto ai sistemi di misurazione si distinguono due modelli a braccio e a polso, si ritiene che siano da preferire quelli a braccio che garantiscono un’aderenza maggiore.
Il minor movimento rispetto ad un apparecchio a polso garantisce parametri precisi e veritieri.
Importante è il sistema memo, la macchinetta deve permettere di conservare le ultime misurazioni al fine di poterle comparare e in alcuni casi inviare direttamente al medico di base.
Acquistare solo i macchinari venduti presso siti specializzati, farmacie o centri per la pressione che contengano la certificazione OMS.

2) Tenere conto della grandezza del bracciale

Al fine di consentire al misuratore di pressione di poter effettuare una misurazione efficiente è importante che il bracciale da applicare sul braccio calzi in modo tale da non essere troppo largo o tropo stretto.

Non esiste una misura standard ma è possibile scegliere tra diverse dimensioni a seconda della grandezza del braccio in modo da adattarlo ad una persona più o meno robusta, uomo o donna.
Esistono diverse dimensioni small, medium e extralarge.

Un bracciale troppo largo non consente di poter determinare i parametri in quanto non aderisce bene al braccio, altresì un bracciale troppo stretto può comportare dolore ed intolleranza durante la misurazione alterando i parametri.
Se stretto il bracciale stringe il braccio e le arterie e la pressione aumenta, se largo la macchinetta non riesce a misurare e il misuratore cade in errore.

3) Importante è non scegliere un modello complicato

Una caratteristica importantissima che segue all’attendibilità e alla precisione del macchinario nonché dei suoi accessori è la facilità d’uso.
Se non si è capaci di comprendere come misurare la pressione o adeguarsi alle istruzioni si potrebbe incorrere in misurazioni sballate ed errate.
Il misuratore deve essere, innanzitutto, semplice da ricaricare al pari di un cellulare con una porta usb che attraverso un sistema di illuminazione consenta di comprendere quando la carica sia stata raggiunta.

Altresì il misuratore deve essere non complesso da montare ovvero non deve risultare difficoltoso collegare il bracciale alla macchinetta per poi posizionarlo sul braccio in modo che aderisca bene per consentire una misurazione precisa.
Lo stesso monitor digitale presente sulla macchinetta deve essere visibile e i valori devono essere chiari al fine di comprendere quale sia il parametro che indica la massima e quale la minima nonché i battiti cardiaci al momento della misurazione.
Per le persone più anziane è consigliabile prendere macchinette che abbiano un display più grande ad occhio nudo.

admin8254

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.